I Disturbi

DISTURBO SCHIZOFRENICO

Il disturbo schizofrenico è presente ovunque nel mondo, ed in tutte le classi sociali. Chi sviluppa questo disturbo deve affrontare molte difficoltà perché il pensiero, i sentimenti e i comportamenti sono alterati. Questo rende difficile lo stare con gli altri, lavorare, studiare e relazionarsi con parenti e amici.

COSA STA SUCCEDENDO?

Questo disturbo non è causato da cattivi genitori, scarsa intelligenza o situazioni ambientali rischiose, ma sono diversi i fattori che possono essere determinanti. Alcune persone, soprattutto in giovane età, possono manifestare comportamenti differenti dal solito, incomprensibili a chi le conosce.

I SINTOMI PIU' FREQUENTI SONO:

ALLUCINAZIONI: vedere, sentire, udire, avvertire l'odore o il gusto di cose che in realtà non esistono. L'allucinazione più frequente è quella di "sentire voci". Alcune persone, soprattutto all'inizio, sostengono che tali voci siano di conforto. Altri invece sentono voci che incutono timore ed impartiscono ordini.

DELIRI: credere fortemente in cose che non sono vere, ad esempio pensare di essere spiati tramite la tv, credere di essere un personaggio famoso, pensare che la televisione o la radio trasmettano messaggi, avere credenze religiose bizzarre e ossessive.

PENSIERI PARANOICI: estrema diffidenza, ad esempio pensare che qualcuno complotti alle tue spalle o abbia intenzioni malevole o persecutorie, credere di essere inseguiti dagli alieni, credere di essere stati sequestrati dai marziani e condotti su una altro pianeta.

SCARSA MOTIVAZIONE: possibile perdita d'interesse per molti aspetti della propria vita, mancanza di energie, anche i compiti più semplici e naturali diventano uno sforzo estremo.

ASOCIALITA': potrebbe sparire ogni interesse nei confronti degli amici con la conseguenza di una forte solitudine.

MANCANZA DI CONCENTRAZIONE: leggere un libro o guardare la tv dall'inizio alla fine può diventare uno sforzo immane. Può diventare difficile imparare o ricordare anche piccole cose.

DIFFICOLTA' NELL'ELOQUIO E COGNITIVE: iniziare un discorso e perderne il filo, riflettere attentamente sulle cose potrebbe diventare troppo complesso.

MODIFICAZIONE DEI SENTIMENTI: sentirsi vuoti, senza nessun tipo di emozione, non si è ne tristi ne felici.

Tuttavia:

- sbalzi d'umore (irritabilità, instabilità),

- cambiamenti del comportamento (non uscire, evitare gli amici, litigare con i familiari, usare droghe),

- cambiamenti dell'aspetto (minore cura di sé, vestire eccentricamente),

sono aspetti presenti nel disturbo schizofrenico mentre talvolta possono essere segnali di disagio adolescenziale, di depressione o altri disturbi psichici. Alcuni sintomi, pur sfuggendo a familiari ed amici, possono dare a chi li vive la sensazione di essere pazzo, di non avere via d'uscita, di non avere futuro e talvolta nonostante familiari ed amici si rendano conto del problema il diretto interessato non ne ha la consapevolezza.

DISTURBO DELL'UMORE: TRISTEZZA E GIOIA

L' alterazione dell'umore è una alterazione dello stato d'animo, che può avere due polarità: verso il basso=tristezza; verso l'alto=gioia. E' normale provare tristezza o gioia a seconda delle cose che accadono. L'aspetto che differenzia uno stato d'animo normalmente triste o gioioso è dato da una tristezza eccessiva che viene definita come depressione e la gioia eccessiva come euforia.

Diventano un problema quando:

  • compaiono senza un motivo
  • sono sproporzionate rispetto alla causa
  • durano troppo a lungo
  • sono troppo intense
  • non sono controllabili
  • portano a progetti o pensieri dannosi (idee di morte, sopravvalutazione delle proprie risorse e delle disponibilità economiche, sopravvalutazione o sottovalutazione delle difficoltà, ecc)
  • determinano comportamenti dannosi per la persona o per i suoi familiari

Che cosa si può fare?

Occorre individuare precocemente i segnali di crisi, chiedere l'aiuto di familiari o amici o al medico curante.

Crea il tuo sito web gratis!