Alcune Domande Comuni

PUÒ IL MEDICO INFORMARE ALTRE PERSONE SULLO STATO DI SALUTE DI UN SUO ASSISTITO?

Si, ma solo se il paziente ha acconsentito.

E SE IL PAZIENTE NON E' IN GRADO DI DARE IL CONSENSO AL TRATTAMENTO, MA DEVE ESSERE SOTTOPOSTO A CURE?

A parte i casi di rischio imminente per la salute, quando vi è impossibilità fisica o non valida capacità di dare il consenso, il consenso al trattamento può essere rilasciato da un terzo (medico, famigliare, convivente, responsabile della struttura presso cui dimora).

LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO POSSONO RICEVERE INFORMAZIONI SUGLI ASSISTITI?

Si, ma devono osservare tutte le regole che le strutture sanitarie prevedono per il proprio personale interno, per garantire il rispetto della dignità della persona ed il massimo livello di tutela dei pazienti,

nonché il segreto professionale.

TRATTAMENTO SANITARIO OBBLIGATORIO (TSO)

Cos'è?

Ricovero psichiatrico contro la volontà del paziente

In quali circostanze?

Quando una persona presenta un disturbo psichiatrico grave rifiuta le cure immediate delle quali necessita

Chi lo dispone?

Il Sindaco del comune di residenza o presso cui ci si trova, in quanto garante della salute pubblica, attraverso una ordinanza

Chi lo propone?

Un medico (non importa se psichiatra o meno appartenente alla struttura pubblica o privata)

Chi lo convalida?

Un medico psichiatra operante nella struttura sanitaria pubblica

Quando?

Quando i due medici concordano sulla necessità di procedere ad un ricovero, dichiarando che la persona è affetta da alterazioni psichiche tali da doversi attivare urgenti interventi terapeutici; che la stessa rifiuta tali interventi e che non esistono alternative extraospedaliere al ricovero.

Chi vigila?

Il Giudice Tutelare competente nel territorio del comune che ha disposto il TSO.

Il Giudice Tutelare assunte le informazioni del caso può convalidare o meno il ricovero.

Dove va ricoverato?

Solo presso i reparti psichiatrici SPDC che si trovano presso gli ospedali civili.

Per quanto tempo?

L'ordinanza di TSO ha una durata di 7 giorni, ma se viene meno una o più delle condizioni che l'hanno determinato, il trattamento sanitario viene trasformato in volontario. Se le condizioni permangono oltre i 7 giorni, il TSO può essere rinnovato.

Si può fare ricorso?

Il TSO deve essere notificato alla persona. È possibile il ricorso avverso al TSO al Sindaco che lo ha disposto. Questo ricorso può essere proposto anche da chi ne ha interesse (famigliari, amici, associazioni, ecc.)

Crea il tuo sito web gratis!